I catasti storici dell'Archivio di Stato di Mantova

testi a cura di Daniela Ferrari

Le cartografie storiche rappresentano, da sempre, una fonte indispensabile per lo studio del territorio, degli ambienti naturali, delle strutture edilizie e infrastrutturali antiche e delle loro dinamiche storiche.

In particolare, i catasti geometrico-particellari precedenti l’unità d’Italia e quelli sviluppati immediatamente dopo la sua costituzione, per omogeneità d’impianto e per caratteristiche tecniche di precisione e di completezza, costituiscono una fonte informativa di grande interesse e utilità per conoscere e studiare gli assetti paesaggistici e territoriali antichi e le loro trasformazioni.

Grazie a un accordo di collaborazione per l’informatizzazione e la diffusione dei catasti storici dei Comuni dell’Oltrepò mantovano, sottoscritto nel 2014 tra l’Archivo di Stato di Mantova e il Comune di San Giacomo delle Segnate, per la creazione di un Osservatorio del paesaggio dell’Oltrepò mantovano, è possibile consultare sul Geoportale oltre duemila mappe dei catasti storici Teresiano (1776-1778), del Regno Lombardo-Veneto (1854-1865), e del Regno d’Italia (1904-1934) riguardanti diciannove Comuni dell'Oltrepò Mantovano.

 

Il confronto e la sovrapposizione dei dati forniti dalle diverse serie cartografiche catastali permettono di cogliere l’evoluzione storica e territoriale, consentendo indagini dal punto di vista socio-economico, urbanistico, agricolo, toponomastico.
 

Poiché l’Oltrepò mantovano rientra nella zona sismica interessata dai catastrofici eventi del maggio 2012, la cartografia storica si propone anche come utile strumento di lettura e di conoscenza in relazione alle ricostruzioni che stanno faticosamente riprendendo.

 

Accedi alla consultazione dei catasti storici

 

 

 

 

Per approfondire l’argomento dei catasti mantovani in generale, fondamentali sono gli studi di C. Vivanti, Le campagne del Mantovano nell’età delle Riforme, Milano 1959, e di M. Vaini, La distribuzione della proprietà terriera e la società mantovana dal 1785 al 1845, Milano 1973, e M. Vaini, La città di Mantova nell’età di Maria Teresa, Milano 1980.

 

Il progetto copre il territorio dei seguenti comuni:
 

  • Borgofranco sul Po

  • Carbonara di Po

  • Felonica

  • Gonzaga

  • Magnacavallo

  • Moglia

  • Pegognaga

  • Pieve di Coriano

  • Poggio Rusco

  • Quingentole

  • Quistello

  • Revere

  • San Benedetto Po

  • San Giacomo delle Segnate

  • San Giovanni del Dosso

  • Schivenoglia

  • Sermide

  • Suzzara

  • Villa Poma

Progetto finanziato da FEASR Programma di Sviluppo Rurale 2007-2013  

ASSE IV MISURA 421 cooperazione internazionale Codice progetto: T-L-I-007-014-002 CUP E55C12001490009  

LandSare: Architetture di paesaggio nelle aree rurali europee un nuovo approccio al disegno dello Sviluppo Rurale